La Venere d’Argento ad Erice fra turismo e cultura
Giovanni Cudia Venere d'argento 2011 programma veneree d'argento Marco Salerno Giovanni Cudia prostituzione sacra premio internazionale Venere d Argento Anita Garibaldi Vanessa Galipoli Renzo Vento Carmelo Gentile Paola De Vita UniversitÓ Bologna Manuel Martinez Ludi di Enea Anchise, 150░ anniversario UnitÓ d Italia
Giovanni Cudia premia Marina ReiIl dott. Marco Salerno, ericino doc, dirigente generale dell’Assessorato Regionale Turismo, Sport e Spettacolo, è stato anche quest’anno, d’intesa con l’assessore del ramo prof. Daniele Tranchida, il deus ex machina del Premio Internazionale “Venere d’Argento”, giunto alla XXII edizione dopo una lunga pausa finalmente interrotta già nel 2010 con l’auspicata ripresa della tradizionale iniziativa.
L’organizzazione e il coordinamento dell’evento (3 agosto-20 settembre 2011) sono stati curati, con impeccabile professionalità e con apprezzata dedizione, dal dirigente regionale del servizio turistico per la provincia di Trapani dott. Giovanni Cudia, in collaborazione con il suo braccio destro dott. Carmelo Gentile; il coordinamento artistico è stato gestito da due giovani registi, Antonio Di Marca e Salvatore Monte.
Giulia Viviano ha partecipato con costante presenza in sede operativa alle varie fasi del programma, contribuendo in modo significativo alla sua puntuale attuazione.
La bravissima Vanessa Galipoli, con squisita sensibilità e con signorile garbo, ha presentato gli ospiti delle serate più impegnative, ponendosi ancora una volta all’ammirazione del pubblico come la vera regina della manifestazione. A lei è stata affidata la premiazione di eminenti personalità femminili della Cultura, dell’Arte, della Letteratura e dello Spettacolo, alle quali è stata consegnata la testina d’argento che riproduce il volto della Venere Ericina.
Convegno sugli Elimi ad Erice A Giacomo Tranchida, sindaco di Erice, va attribuito il merito di avere personalmente contribuito con la Venere d’Argento allo sviluppo del turismo nel territorio, saldamente legato alla storia, al mito e agli scrittori che hanno decantato la meraviglia dei suoi straordinari paesaggi.
Il calendario degli incontri è stato suddiviso in quattro sezioni, «Venereinmusica», «Cibus Venus», «Venere dal Mare» e «Venerarte».
Un pomeriggio, dedicato al 150° anniversario dell’Unità d’Italia, ha registrato la gradita presenza di Anita Garibaldi, pronipote dell’Eroe dei due Mondi. Il prof. Renzo Vento, celebrando l’avvenimento, ha ricordato l’apporto dei picciotti ericini (ben 875) al comando del patriota Giuseppe Coppola, determinante per la vittoria di Garibaldi nella battaglia di Calatafimi e quindi per il conseguente raggiungimento dell’Unità nazionale.
Uno spazio di tre giorni (dal 24 al 26 agosto) è stato destinato ai “Ludi di Enea” nell’area del Parco Virgiliano di Pizzolungo. Nella piazza Lavinia della frazione ericina sono stati richiamati alla memoria dai relatori lo sbarco di Enea, la morte di Anchise, le ricerche del suo sepolcro e l’esecuzione dei giochi (regata, corsa campestre, pugilato, tiro con l’arco, equitazione). Si sono avvicendati ai microfoni il sindaco Giacomo Tranchida, il dott. Giovanni Cudia, la prof.ssa Anna Maria Piepoli, il presidente dell’Associazione Nazionale “Ludi di Enea” prof. Renzo Vento, che si è soffermato su «Venere, Enea e i Ludi», il presidente del Centro Studi di Calatafimi “Francesco Vivona”, prof. Leonardo Vanella, su «I Ludi di Enea e le origini di Segesta nell’Eneide di Virgilio tradotta da Francesco Vivona», e il docente dell’Università di Bologna Manuel Martinez, su «La ricerca della tomba di Anchise».
Convegno su Venere, Enea e i ludi a PizzolungoLa dott.ssa Antonella Zito e l’avv. Marcella Mazzeo dell’Associazione Nazionale “Ludi di Enea” hanno interpretato, in Latino e in Italiano, passi tratti dal terzo e dal quinto libro dell’Eneide. Sono stati proiettati due filmati del prof. Maurizio Vento: il primo su “Il Parco Virgiliano e la gara navale”; il secondo, contenente una ripresa diretta di RAI Uno, sul “Pervigilium Veneris” (La veglia di Venere), eseguito dal Coro della “Schola cantans” del Liceo Scientifico di Trapani “Vincenzo Fardella” nel quadro del progetto, ideato dallo stesso prof. Maurizio Vento, in accordo con la dirigente scolastica prof.ssa Francesca Valenti Taranto, per l’insegnamento della Lingua latina attraverso la musica, originale metodo innovativo della didattica, che ha ottenuto consensi pure in Francia e negli Stati Uniti.
Gli aspetti più specificamente attinenti alla Venere d’Argento sono stati altresì richiamati ad Erice-Vetta con il Convegno “Gli Elimi e il regno di Erice”, svoltosi al Polo Umanistico con l’ampia prolusione del prof. Renzo Vento e con le documentate relazioni del prof. Paolo Barresi dell’Università Kore di Enna (Un itinerario elimo per il turismo culturale), della prof.ssa Paola De Vita dell’Università di Bologna (Astarte e la prostituzione sacra ad Erice) e dell’ex segretario della Commissione Turismo della Regione Toscana dott. Gaspare La Torre (Il Trono Ludovisi e la statua della Venere Ericina). La dott.ssa Angela Genovese, la dott.ssa Anna Maria La Cava e l’avv. Marcella Mazzeo dell’Associazione Nazionale “Ludi di Enea” hanno interpretato versi di alcuni tra i maggiori poeti che dall’antichità ad oggi hanno cantato Erice e la Venere Ericina (Orazio, Ovidio, Giosuè Carducci, Tito Marrone, Bruno Nardi, Nino Fici Li Bassi, autore fra l’altro quest’ultimo del sonetto “Erycina Venus”, effigiato su una delle Torri del Balio).






Giovanni Cudia Venere d'argento 2011 programma veneree d'argento Marco Salerno Giovanni Cudia prostituzione sacra premio internazionale Venere d Argento Anita Garibaldi Vanessa Galipoli Renzo Vento Venere d'argento 2011 programma venere d'argento 2011 Marco Salerno Vanessa Galipoli Giovanni Cudia Giacomo Tranchida sindaco Erice Daniele Tranchida assessore regionale Sicilia Turismo premio Venere d Argento Maurizio Vento Carmelo Gentile ludi di Enea stele di Anchise Pizzolungo Manuel Martinez tomba di Anchise Paola De Vita ierodule prostituzione sacra tempio Venere Afrodite Astarte Erice150░ UnitÓ d Italia Anita Garibaldi Giuseppe Coppola programma venere d'argento