Mozia e la Sicilia: culture a confronto
prof. Enrico Acquaro prof. Acquaro, Vittoria Di Giorgio Famiglia Whitaker Fondazione Whitaker Paola De Vita Maria Pamela Toti Simona Torre Manuel Martinez Noemi Lo Presti Antonella Lamia Paola Bonventre Archeologia Subacquea Ivana Inferrera Archeologia del Mare Trapani archeologia fenicio-punica Mozia UniversitÓ di Bologna UniversitÓ di Ravenna
Vittoria Di Giorgio, Paola De Vita, Enrico Acquaro, Antonio Carile, Antonella LamiaSi è conclusa con pieno successo la campagna di scavi a Mozia nell’area della “Casa dei Mosaici”, compiuta dalla giovane ma già collaudata équipe guidata dal prof. Enrico Acquaro, che ha ridato vigore alle ricerche condotte in passato anche da altri atenei nell’isola dell’arcipelago dello Stagnone in territorio di Marsala, ricerche che da qualche anno si erano di fatto impantanate in un sostanziale immobilismo. Se si considera che soltanto il quattro per cento dell’intera superficie di Mozia è stato finora indagato, piena soddisfazione per quanto invece l’ateneo di Bologna continua ad operare per la migliore conoscenza della civiltà fenicia nella riscoperta dell’antico emporio è stata espressa dalla dott.ssa Maria Pamela Toti: la responsabile della Fondazione Whitaker, cui la piccola isola appartiene, si è davvero prodigata con ogni mezzo, nell’assenza delle altre istituzioni, per rendere gradevole il soggiorno ai componenti della missione archeologica durante l’impegnativa “campagna” nello storico sito protrattasi in un arco di tempo di oltre due settimane (dal 15 giugno al 4 luglio).
Il 7 luglio a Trapani, nell’aula magna della Facoltà di Archeologia del Mare in via Cappuccini, ha avuto luogo la programmata giornata di studi dedicata alle ricerche condotte nell’isola di Mozia nel quadro del locale corso di laurea. I lavori, coordinati dal prof. Enrico Acquaro e dal prof. Francesco Torre, hanno avuto come protagonisti i giovani dell’équipe di scavo; si sono avvicendati ai microfoni con appropriate relazioni Paola De Vita (Dioniso a Mozia: culti pubblici e privati), Manuel Martinez (Egizi e Fenici nella Sicilia Orientale), Simona Torre (La Porta Nord di Mozia), Noemi Lo Presti (I sarcofagi antropoidi di Pizzo Cannita nel Museo Archeologico Regionale “Antonino Salinas” di Palermo); Vittoria Di Giorgio (La famiglia Whitaker a Mozia); Antonella Lamia (Le mura di Mozia: la metrologia); Ivana Inferrera (La Casa dei Mosaici), Paola Bonventre (Mozia dopo il 397 a.C.: i dati di scavo).





Argomenti trattati: Mozia Acquaro Enrico Acquaro Paola De Vita Maria Pamela Toti Simona Torre Paola Bonventre Manuel Martinez Vittoria Di Giorgio Mozia scavi a Mozia Acquaro scavi UniversitÓ Ravenna UniversitÓ Bologna UniversitÓ Trapani FacoltÓ Archeologia del Mare Archeologia Subacquea Trapani Ivana Inferrera Anronella Lamia Noemi Lo Presti Pizzo Cannita famiglia Whitaker Fondazione Whitaker Paola Bonventre