Il Campus Archeologico Museale di Selinunte
campus archeologico museale selinunte castelvetrano cam selinunte enrico acquaro Patrizio Benvenuti presidente Kepha Onlus Monoarchitetti enrico acquaro Bologna archeologia fenicio-punica Enrico Acquaro necropoli Manicalunga Keix marketing research Katia Ricciarelli Cristian Wernicke
Cavaliere da SelinunteÈ giunto l’atteso momento dell’inaugurazione del CAM, uno straordinario museo a cielo aperto, un laboratorio archeologico, un centro polifunzionale per la valorizzazione di un territorio dove i fasti della storia più antica e pregiata della Sicilia attendono ancora d'essere svelati e raccontati. I segni della memoria e gli strumenti più innovativi nella gestione dei beni culturali si incontrano al CAM di Selinunte, il Campus Archeologico Museale voluto dalla Fondazione Kepha Onlus e che sarà aperto per la prima volta al pubblico sabato 18, domenica 19 e lunedì 20 ottobre 2008.
Disteso nella vasta area archeologica di Manicalunga-Timpone Nero, ospitato in un antico baglio, ristrutturato da Monoarchitetti nel rispetto delle dinamiche del caseggiato rurale d'origine, ma reso funzionale alle esigenze di un modernissimo museo e centro di alta formazione, il CAM offrirà agli archeologi, ai giovani cultori della materia, agli studenti, ai turisti in transito da Selinunte una miniera archeologica, di circa quattro ettari, ancora da studiare e svelare agli appassionati di tutto il mondo.
Sarà un fine settimana caratterizzato da conferenze, seminari, manifestazioni culturali e musicali; a Triscina di Selinunte, nei pressi di Castelvetrano (Trapani), nella giornata di sabato 18 ottobre, la cerimonia inaugurale sarà preceduta da un convegno durante il quale si farà il punto sulle prospettive di ricerca in una zona dal grande valore archeologico. Prenderà per primo la parola don Patrizio Benvenuti, apprezzato e instancabile presidente della Fondazione Kepha Onlus. Seguirà l’intervento della dott.ssa Rossella Giglio, dirigente del Servizio per i Beni Archeologici della locale Soprintendenza. Fra i relatori il celebre archeologo Enrico Acquaro, titolare a Bologna della cattedra di Archeologia fenicio-punica. Seguiranno i contributi del prof. Nunzio Allegro (Palermo), del prof. Sandro De Maria (Bologna), del prof. Piero Frediani (direttore del Centro nazionale delle Ricerche nell’Istituto di Conservazione e Valorizzazione dei Beni Culturali), della dott.ssa Martine Fourmont (Parigi). Saranno anche presentate le prime due produzioni del CAM: “ll laboratorio di scultura”, diretto da Sasha Vinci, e il documentario “CAM, Selinunte” del regista Domenico Distilo.
Domenica sarà illustrato al pubblico il significato che il Campus Archeologico Museale vuole acquistare con le sue attività all’interno del territorio trapanese. Chiudono le giornate di lavoro i concerti di chitarra classica di Cristian Wernicke (sabato, ore 20,30) e del soprano Katia Ricciarelli con il tenore Francesco Zingariello (domenica, ore 20,30).
Il CAM nasce su iniziativa della Fondazione Kepha Onlus di Roma, con il sostegno del P.O.R. Sicilia 2000-2006. Il progetto ha previsto il recupero del caseggiato “Baglio Calcara”, tra conservazione e innovazione della caratteristica tipologia insediativa rurale siciliana. Il Baglio costituisce la sede centrale delle attività del Campus; al suo interno trovano posto il Centro Museale, i laboratori di archeologia e di restauro e gli ambienti per la didattica. Oltre ad intervenire sull’architettura del Baglio, il CAM ha acquisito un’area archeologica di circa quattro ettari, a disposizione di ricercatori e studenti interessati ad operare direttamente sul campo con metodologie contemporanee. L’idea del Campus Archeologico si incontra con lo spirito della missione della fondazione Kepha Onlus e con il suo carattere socio-educativo e culturale.
Per i lavori relativi alla realizzazione del CAM, la Fondazione ha deciso di puntare su professionisti siciliani per sottolineare l’intenzione del progetto di valorizzazione delle risorse territoriali, artistiche e professionali dell’isola. Il CAM entra a pieno titolo negli schemi della Fondazione, che nel suo statuto si propone di creare borghi delle arti sparsi per il territorio nazionale e internazionale. “Grazie al Campus - ha dichiarato don Patrizio Benvenuti, presidente della Fondazione Kepha - riscopriamo un fondamentale pezzo di storia che non appartiene solo alla provincia di Trapani ma all’umanità intera”.





Enrico Acquaro UniversitÓ Bologna archeologia fenicio-punica Patrizio Benvenuti necropoli Manicalunga Timpone Nero contrada Triscina Castelvetrano Katia Ricciarelli Cristian Wernicke CAM campus archeologico museale Castelvetrano Selinunte